Pensa alla tua vita come ad una clessidra.

OPEN (1)
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Ciao a tutti,

eccomi di nuovo qui dopo giorni dedicati a godere del ritorno, dopo più di cinque mesi,  della mia amata sorellina Elisa e di Luca. Tra le tante e tante parole che abbiamo condiviso nelle nostre giornate insieme una frase mi ha fatto riflettere :

«Goditi la vita giorno per giorno, attimo per attimo, perchè sappiamo che tutto può cambiare in un soffio».

Per chi ha letto la mia storia sa che lo stress mi ha accompagnato per molti anni quindi conosco il problema e so come ci si sente. Quanta energia sprecata a ripensare agli errori commessi!!! E a preoccuparsi per ciò che potrebbe accadere.

E tu? Quante volte in una giornata pensi al passato? A cosa avresti potuto dire o fare?

Oppure ti preoccupi in anticipo del futuro?

Ti riconosci in queste frasi?

Da bambino dicevi« Quando sarò un ragazzo grande».

Da ragazzo dicevi «Quando sarò un adulto».

Da uomo adulto «Quando sarò sposato e avrò figli».

E infine «Quando potrò andare in pensione» e una volta in pensione, volgerai lo sguardo al passato e ti accorgerai che il tempo è passato nell’attesa del futuro e che non torna più indietro.

Quante volte capita di aspettare le vacanze come se fossero gli unici giorni degni di essere vissuti per poi proiettarsi già nelle prossime. E’ bellissimo progettare e fissarsi degli obiettivi ma questo non deve sostituire il godere di ogni ora del giorno.

Una delle peggiori azioni dell’umanità è quella di rimandare il momento di cominciare a vivere. Sognamo giardini incantati lontani da noi e non vediamo le piccole aiuole sotto le nostre finestre.

E visto che questa riflessione mi girava in testa e visto che nulla avviene per caso,tra i tanti libri che mi hanno regalato Luca ed Elisa prima di ripartire per il mondo, ho trovato due consigli per vincere lo stress che mi hanno colpito e ora li condivido con te.

1) VIVERE IN “COMPARTIMENTI STAGNI DI VENTIQUATTR’ORE”.

Il Dott. William Osler parlando ai suoi studenti di Yale, paragonava la nostra vita ad un grande transatlantico, dove aveva visto il comandante isolare le varie parti della nave une dalle altre, per garantire la sicurezza della navigazione.

Tu sei un congegno più complesso e stai facendo un viaggio molto più lungo.

Ma fai la stessa cosa: prendi il comando della tua vita e chiudi fuori, con “porte di ferro”, tutto il passato; quello che non puoi più cambiare.

E chiudi fuori tutto il futuro, i domani “non ancora nati”.

Il peso del domani, aggiunto a quello del passato, farebbe crollare chiunque cammini nel presente.

Spreco di energia, preoccupazioni… non servono a nulla.

Abituati a vivere solo nell’oggi.

Con questo non significa non pensare al domani, fare dei progetti dettagliati, prepararsi ad ogni evenienza.

L’importante è non stare in ansia.

Abbassa le saracinesche sul passato e sul futuro. Vivi in compartimenti stagni di ventiquattr’ore ciascuno.

2) PENSA ALLA TUA VITA COME FOSSE UNA CLESSIDRA

Tu sai che ci sono migliaia di granelli di sabbia nella clessidra e che passano, uno alla volta, nel foro che c’è in mezzo.

Tutti noi, io e te, assomigliamo a quella clessidra.

Quando ci alziamo al mattino, ci sono tantissimi impegni che ci aspettano nella giornata; svolgiamo una mansione ma la mente pensa già alla prossima, i pensieri si accavallano e l’ansia cresce.

Ma se non impariamo a gestirli uno alla volta, con ritmo, come fanno i granelli nella clessidra , mandiamo in tilt il nostro organismo.

Ma se continui a ripeterti come un mantra: “un granello alla volta”,“ una cosa alla volta” svolgerai il lavoro meglio e senza quella sensazione di caos bestiale.

“Un granello alla volta”.

“Una cosa alla volta”.

E ti può aiutare farti queste domande e scrivere le risposte:

1)  Sto trascurando la mia vita presente, teso come sono verso il futuro ?

2) Mi amareggio il presente rimpiangendo il passato, cose trascorse e che non torneranno più?

3) Mi alzo la mattina ringraziando e deciso a godere della giornata fino all’ultimo secondo ?

4) Troverai giovamento a vivere” in compartimenti stagni”?

5) Quando comincerò a viver così?

La prossima settimana?… Domani?…  OGGI ?

 

“Pensa che l’alba di questo giorno non sorgerà più”. (Dante)

L’oggi è la cosa più preziosa che abbiamo. Ed è anche l’unica cosa sicura.

Lilia

 

Mi farà molto piacere sapere come la pensi, se ti va  lasciami un commento qui sotto e condividilo su facebook 🙂 se lo ritieni utile per qualcun altro.

Commenti