Parola d’ordine: prevenire

Parola d'ordine- prevenire
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Ciao a tutti,

oggi voglio approfondire un argomento che avevo già affrontato in un articolo precedente.

Sempre di piu’ sento l’esigenza di capire come fare il possibile per mantenere il mio corpo e quello delle persone che amo in un buon stato di salute.

Condivido quindi con te la mia personale esperienza, la mia continua ricerca su ciò che ho sentito far bene al mio organismo.

Non è facile districarsi fra tutte le informazioni che giornalmente ti arrivano… vegano si vegano no… latte si latte no…carne?… formaggi?…

Capendo poi che alle spalle di tanta pubblicità e consigli si nascondono grossi interessi da parte di aziende che guardano più al loro tornaconto che al nostro benessere cerco di capire e di condividere con te ciò che ritengo utile.

Per fare questo riprendo in mano un libro  “PROGETTO SALUTE” scritto da un medico, il Dott. Fiorito, che ho conosciuto personalmente e che mi ha colpito per il suo impegno nello studiare ciò che riguarda l’alimentazione, e per la scelta  di affiancare la medicina tradizionale a quella naturale.
Entrando in questo settore è inevitabile imbattersi nei meandri dell’ alimentazione con uno scopo preciso :
evitare di sprecare energie per DIFENDERSI dal cibo quando queste dovrebbero essere utilizzate per conservare o recuperare la propria salute, che è il bene più prezioso.

E la parte di ciò che lui scrive che mi sento di condividere con te è quella che riguarda la prevenzione primaria,  che persegue l’obiettivo di evitare l’insorgenza della malattia ( della secondaria e terziaria saranno poi i medici ad occuparsene se non saremo riusciti nell’intento di prevenire).

Prevenzione di cui si deve prendersi cura apportando dei cambiamenti nel modo di vivere la quotidianità, quando si è in salute, per mantenerla, e non quando la malattia è già presente in noi.

E prendersene cura a 360° comprende non solo il nostro stomaco ma anche la nostra mente.

Il filosofo Feuerbach ha detto si “ noi siamo quello che mangiamo” ma anche che la qualità dei nostri pensieri è collegata con la qualità dei nostri cibi.

E qual’è è il vero cibo della mente?

Pensieri positivi, amore, affetti, amicizie e la possibilità di prendersi cura del nostro benessere.

Quindi, quando pensiamo a una sana alimentazione, oltre al cibo dobbiamo prestare grande attenzione a ciò che alimenta la nostra parte più profonda.

Ma qual’è il primo aiuto che puoi dare al tuo corpo?

Come ho detto all’inizio evitare di sprecare energie per DIFENDERSI dal cibo quando queste dovrebbero essere utilizzate per conservare o recuperare la propria salute.

GLI ALIMENTI APPORTANO ENERGIA E MATERIE PRIME

Partendo dal presupposto che il materiale necessario per la ricostruzione di ogni singola cellula è ciò che mangi e che quindi la qualità del cibo va a trasformarsi in una parte di te, ecco che tanto maggiore è la quantità di tossine introdotte con gli alimenti, tanto maggiore sarà l’energia per eliminarle. E questa energia verrà sottratta ai sistemi destinati a mantenerci in salute.

IL CORPO DISCRIMINA L’ UTILE DALL’INUTILE

Tutto questo processo viene svolto dal sistema immunitario, cioè un insieme di organi, di gruppi di cellule o di singole cellule, che hanno il compito di discriminare ciò che buono o no per noi.

Ecco che allora tanto è maggiore la quantità di tossine introdotte con gli alimenti, tanto maggiore sarà l’energia necessaria per eliminarle o accantonarle e questa energia viene necessariamente sottratta ai sistemi destinati a mantenerci in salute.

Quindi si evidenzia quanto sia fondamentale fornire al nostro organismo alimenti più sani possibile e un giusto stile di vita.

Nei prossimi post vedremo insieme quali possono essere i cambiamenti che potremmo fare nel nostro stile di vita per dare una mano al nostro corpo a mantenersi il più possibile in salute.

A presto

Lilia

 

PS: mi farà piacere se mi lasci un commento su come la pensi tu su questo argomento 🙂

e condividilo se lo ritieni utile per qualche amico 🙂

 

Commenti