Nutrire la mente

brontolare non è mai un'abi
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Ciao,

oggi voglio confrontarmi con te su una domanda:

« ma… brontolare… serve ?»

Quando si parla di nutrimento si pensa al cibo e ci si dimentica che anche ciò che ascolti, ciò che dici, ciò che vedi, alimenta il tuo corpo.

Ed entrano dentro di te tutte le parole e le immagini che condividi e assimili anche senza esserne pienamente consapevole.

Sei sicuro che tutto sia un “buon cibo” per la tua salute e per la tua crescita ? 

Hai notato che è come una calamita ?  Quando condividi pensieri belli e positivi alimenti l’amore e la gioia di stare insieme e quando invece esprimi rabbia e tensione attiri violenza e sofferenza?

Io quando esco in macchina  vedo persone sempre più “arrabbiate” che si alterano o inveiscono per motivi a volte futili. Sicuramente lo stress e la vita frenetica non aiutano ma tante volte mi domando:«valeva veramente la pena di arrabbiarsi tanto

Ma ancora di più:«  ti è utile ?»

E qui entra in gioco la consapevolezza, il renderti conto, il chiederti se il pensiero che hai prodotto è sano o malsano e se per te è un buon nutrimento.

Hai notato come all’interno del tuo corpo cambia tutto quando ti arrabbi? Il cuore comincia a battere più forte e la pressione sale, la rabbia ti farebbe spaccare tutto, il viso cambia espressione e i muscoli si irrigidiscono.

E questo potrebbe essere utile se dovessi sventare un attacco alla tua persona, ma se tutto ciò avviene per motivi a volte futili, allora non conviene respirare profondamente e chiedersi :«Quanti pensieri tossici  sto ingerendo

E volerti bene significa anche circondarti di persone positive, che non ti buttano sempre addosso tutte le loro tossine mentali, persone che non fanno altro che lamentarsi e criticare. Lo senti dentro di te quanta energia ti succhiano ?

Io provo spesso il sentimento della com-passione per queste persone, non inteso nel senso di pena,ma nel comprendere che se agiscono così è perchè percepisco che c’è una sofferenza dentro di loro,che ancora non hanno capito che la rabbia, il brontolare non li porta da nessuna parte.

5 suggerimenti per non farsi intossicare 

1 ) Valuta le persone che ti circondano. Quelle che ti circondano ti fanno stare bene? O assorbi la loro negatività ?

2) Accetta le persone per quello che sono . Puoi anche essere amico di persone negative, magari non sempre lo sono, forse in quel momento sono alle prese con un problema che non conosci.Ma non permettere che ti influenzino.

3) Impara a distaccarti. Ascolta solo ciò che trovi positivo e quando il discorso volge al negativo non cadere nel tranello di cominciare a parlare anche tu in questo modo. E cambia argomento, parla di qualcos’altro, sempre volgendo il discorso al positivo.

4) Riduci al minimo il contatto con persone negative o allontanale definitivamente. Se senti di essere in un periodo in cui queste persone ti tirano giù, evita di incontrarle e dì tranquillamente loro che non ti far star bene stare con loro.

5) Valuta se è veramente grave ciò che ti ha fatto arrabbiare. A volte si perde la capacità di vedere le cose per quello che sono: respira , rilassati, vai a farti una corsetta o una passeggiata. Quante volte poi cambia la percezione del fatto?

Se qualcosa non ti piace , cambiala. Se non puoi cambiarla cambia il tuo atteggiamento. Non lamentarti . ( Maya Angelou )

 

Mi farà molto piacere sapere come la pensi, se ti va  lasciami un commento qui sotto e condividilo su facebook 🙂 se lo ritieni utile per qualcun altro.

 

Lilia

 

 

 

 

Commenti