5 verità sulla paura

5-verita-sulla-paura
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Ciao,

oggi cercando un libro mi son trovata tra le mani il libro di Susan Jeffers – Conosci le tue paure e vincile.

conosci-le-tue-paure-e-vincileLa scrittrice presenta diversi suggerimenti su come affrontare la paura,  l’ho riletto e voglio condividere con te alcuni spunti.

Innanzitutto che cos’è per te la paura?

  • Parlare in pubblico ?
  • Farti valere ?
  • Prendere decisioni ?
  • Dell’intimità ?
  • Cambiare lavoro ?
  • Essere solo ?
  • Invecchiare ?
  • Perdere una persona amata ?

Ne potremmo aggiungere tante altre, chi più ne ha … ma la cosa incoraggiante e che una questione di rieducare la tua mente, accettando la paura come un fatto della vita, piuttosto che un ostacolo per il successo.

Quando ero più giovane avevo sempre la sensazione che sarebbe arrivata una ” botta” tra capo e collo; vivevo con la paura aspettandomi chissà cosa e questo mi portava ad irrigidirmi.

Ma vivere nella paura non ha evitato che, come a tutti, la vita mi mettesse di fronte ad ostacoli molto difficili da superare.

E allora, come dice l’autrice, il trucco è sentire la paura e agire comunque.

Al fondo di ciascuna delle tue paure c’è la paura di non riuscire ad affrontare quello che la vita ti presenta.

Ma se sapessi di poter far fronte a qualsiasi situazione si presentasse davanti a te, di cosa avresti paura ?

Di niente.

Saper di non dover aver paura di cosa fanno i tuoi colleghi, tuo marito o tua moglie, o i tuoi figli, non lasciando che siano gli altri a gestire le tue emozioni è un grosso sollievo.

Tutto quello che devi fare per ridurre la tua paura è sviluppare più fiducia nelle tue capacità di affrontare qualsiasi cosa si presenti sul tuo cammino.

Vediamo ora insieme le 5 verità sulla paura.

 1) Finchè crescerò, la paura non se ne andrà mai.

Ogni volta che ho superato un ostacolo, una paura, pensavo di essere libera, ma immancabilmente se ne presentava un’ altra.

E allora, come dice Susan Jeffers, piuttosto che viverla come una delusione, considerala un liberazione. Non devi più affannarti per liberarti dalla paura, tanto non se ne andrà mai.

2) Il solo modo per sbarazzarsi della paura di fare qualcosa è buttarsi e farlo.

Più  lasci che la paura si impadronisca di te e peggio è. Non dimenticherò il “terrore” che ho provato quando ad un corso di crescita personale in un park adventure mi sono trovata sospesa a 10 metri e a dover camminare su un filo d’acciaio che dondolava paurosamente. Ero imbragata, non potevo cadere, ma la ragione non mi era d’aiuto.

Volevo avere il coraggio di ritirarmi, ma non potevo accettare di non farcela.

3) Il solo modo di sentirsi meglio con se stessi e buttarsi é agire.

Nel momento in cui ho deciso che dovevo farcela e ho superato la paura che mi attanagliava sono stata orgogliosissima  di me e la fiducia in me stessa è aumentata, insieme alla consapevolezza che se avevo superato questa prova ce l’avrei fatta anche con altre. Senza dimenticare che la paura si sarebbe ripresentata alla prossima sfida.

4) Non solo io, ma chiunque sperimenta la paura ogni qualvolta si trova in un territorio sconosciuto.

Il sapere che anche le persone apparentemente  più sicure di sè provavano questa emozione mi faceva sentire in buona compagnia.

5) Sfidare la paura è meno spaventoso che convivere con la paura sotterranea derivante da una sensazione di impotenza.

Io, come ho detto all’inizio ho provato quel senso di impotenza bloccante : e se… ? E se…?

E continuavo a rimandare esperienze che dovevo fare, autocolpevolizandomi per non avere il coraggio di farle, e permettendo alla paura di tormentarmi e farmi sentire inadeguata.

Quando ho imparato ad agire, come si dice” tolto il dente tolto il dolore”, il sollievo è stato  fantastico.

Ho imparato a provare paura… ma ad agire comunque.

Ti consiglio di leggere integralmente questo libro che puoi trovare cliccando qui

A domani

Lilia

 

NB: lasciami un tuo commento qui sotto  e se ritieni che questo articolo possa essere utile per qualcun altro condividilo su Facebook 🙂

Commenti